Abbazia S. Maria Rossa


1956 PROCESSIONE DELL’ORATORIO FEMMINILE A maggio, il mese dedicato alla Madonna, l’oratorio femminile di Santa Maria Rossa ha organizzato una processione. La statua della Madonna è stata portata a spalla dalle donne nelle vie del paese.

Leggi tutto »

Secondo l’abate e teologo piemontese Gabriele Pennotto (1574-1639), appartenente alla Congregazione Lateranense di S. Giuliano, la “prepositura dei canonici regolari de Santa Maria de Crescenzago” fu fondata nel 1140 nel periodo in cui Robaldo era Arcivescovo di Milano.

Leggi tutto »

Nel  1251 papa Innocenzo IV soggiornò presso l’ abbazia di Santa Maria Rossa, la visita è certa, la data esatta della sua venuta ed il periodo della sua permanenza sono controversi.

Leggi tutto »

Matteo I era nipote dell’arcivescovo di Milano Ottone Visconti, fu un uomo d’arme e aiutò lo zio nella conquista del potere a Milano. Nel 1287 diventò Capitano del Popolo di Milano e sottomise alla sua signoria l’intera Lombardia, parte del Piemonte, dell’Emilia e della Liguria. Morì nell’abbazia di Crescenzago il 22 giugno 1322.

Leggi tutto »

Sei antifonari (libri liturgici cattolici che a differenza dei breviari contengono le parti cantate della liturgia), meglio conosciuti dagli studiosi come “Corali di Crescenzago” sono tra gli oggetti più ammirati della «Biblioteca dell’Archivio capitolare della basilica di Sant’Ambrogio», la istituzione che ha riaperto il 3 dicembre 2013, dopo rilevanti opere di ristrutturazione. I sei libri […]

Leggi tutto »

L’ 8 settembre 1923 furono celebrate le feste per la fine dei restauri e la solenne consacrazione della chiesa, qualche mese prima, il 13 luglio, la Commissione Prefettizia Provinciale per la conservazione dei monumenti dava parere positivo all’iscrizione della Abbazia di Crescenzago nel Catalogo dei Monumenti Nazionali.

Leggi tutto »

I parrocchiani di Crescenzago, nel 1928 in occasione del 25° anniversario della ordinazione sacerdotale del loro preposto parroco Don Giuseppe Roncoroni, in segno della loro gratitudine fecero dono al loro amato Pastore di un artistico calice d’argento.

Leggi tutto »

Anni fa’ fare la Prima Comunione e la S. Cresima a Crescenzago, ma non solo a Crescenzago, in  ogni parte d’Italia, era una cosa seria, impegnativa che comportava una preparazione spirituale e materiale lunga e meticolosa, era un momento solenne ed un evento che coinvolgeva tutta la famiglia.

Leggi tutto »

Don Enrico, ad oltre 50 anni dalla sua prematura morte, avvenuta nel 1960, è ancora figura ben presente e conosciuta a Crescenzago ed in tutta la Lombardia, celebrò la sua prima Messa il 23 Maggio del  1937 nella parrocchia di Santa Maria Rossa.

Leggi tutto »

Don Giuseppe Roncoroni,  l’indimenticato parroco di Crescenzago, che ha retto per quasi quarant’anni la parrocchia di S. Maria Rossa, almeno una volta l’anno, era solito fare visita ai nipoti a Cernobbio. Il nipote di don Giuseppe, Antonio Roncoroni, possedeva una bella villa con un ampio giardino sopra Cernobbio, poco distante dal confine svizzero, sotto le […]

Leggi tutto »

Il 30 dicembre 1960, don Enrico Bigatti, muore vittima di un incidente stradale nei pressi di Inzago, a causa della forte nebbia, la sua macchina si scontra frontalmente con un autocarro.

Leggi tutto »

Il 19 marzo 1971, dalla chiesa Santa Maria Rossa di Crescenzago, viene rubata l’opera d’arte forse più preziosa presente nella chiesa: il trittico attribuito ad Ambrogio da Fossano detto il Bergognone.

Leggi tutto »

error: Per copiare il contenuto della pagina scrivete all\'autore.