Gli unici versi in dialetto milanese del milanesissimo Alessandro Manzoni che sono conosciuti, sono quelli della seguente quartina, dedicata all’amico Carlo Porta.

On badee che voeur fà el sapienton

el se toeu subet via per on badee;

ma on omm de coo che voeur paré mincion,

el se mett anca lu in un bell cuntee

oo

Lo sciocco che vuol fare il sapientone

si vede subito che è uno sciocco;

ma l’uomo di ingegno che vuol apparire incapace

si mette anche lui in un bell’impiccio

- – – – – –  – –  – – – – – – – – – –